giovedì 2 febbraio 2012

Vermicelli con broccolo in tegame


Ho voluto “italianizzare” questa ricetta per presentarla ad una raccolta di piatti a base di pomodoro organizzato dalla Cirio, che ringrazio per il gentile omaggio della selezione dei suoi prodotti migliori che mi ha inviato per Natale. In realtà, per chi è siciliano come me, questo piatto tipico della cucina popolare palermitana ha un altro nome: “vruoccolo arriminato”.. cioè broccolo mescolato. Si tratta di cavolfiore verde cotto in tegame con tanti altri ingredienti che lo rendono molto gustoso soprattutto se spolverato con una buona manciata di muddica atturrata, ovvero pangrattato tostato. No, il blog non si è trasformato in una scuola di siciliano, ma vorrei evitare di essere presa nuovamente per straniera in casa mia, come già successo una volta (qui) :D
Baciiiiiiii


Ingredienti per 4 persone


400 g di vermicelli
1/2 cavolfiore
400 g di passata rustica Cirio
80 g di concentrato di pomodoro Cirio
1 cipolla
50 g di uvetta
30 g di pinoli
40 g di filetti d’acciuga sott’olio
vino bianco secco
olio extravergine di oliva
sale e pepe
qualche cucchiaio di pan grattato
  
Lavate il cavolfiore, mondatelo, tagliatelo in cimette e tuffatelo in acqua bollente salata per 5 minuti. Scolatelo e tenete da parte l’acqua di cottura. Fate appassire la cipolla sottilmente affettata in un tegame con mezzo bicchiere d’olio, unite i filetti d’acciuga pigiandoli un po’con la forchetta, aggiungete l’uvetta, i pinoli e sciogliete il pomodoro concentrato. Aggiungete, poi, la passata di pomodoro, lasciate insaporire, unite le cimette di cavolfiore e il prezzemolo tritato e cuocete a fiamma moderata per una decina di minuti. Versate mezzo bicchiere di vino, una presa di sale e un pizzico di pepe e continuate la cottura per altri 5 minuti. Saltate in padella il pangrattato schiacciandolo con un cucchiaio di legno insieme ad un cucchiaino di olio. Lessate i vermicelli nell’acqua tenuta da parte, scolateli al dente e rigirateli nel tegame con il condimento. Servite spolverando un po’ di pangrattato.

40 commenti:

  1. ma che fame mi fai venire!!!! buongiorno cara!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissima rivisitazione dei un classico, questa pasta è veramente appetitosa, viene voglia di affondarci la forchetta! :)

    RispondiElimina
  3. il profumino di quella pasta arriva fino a qui e stuzzica le papille già alle 9 di mattina. Gnam ^_^

    RispondiElimina
  4. 'a munnica ca pasta è la cosa che mi piace di più! Questa ricetta mi piace particolarmente! La rifaccio sicuramente a breve!:-)è proprio gustosissima!:-)

    RispondiElimina
  5. Adoro la pasta e cucinata così dev'essere deliziosa! Hai creato un sughetto strepitoso, saporito e gustoso...mamma mia che bontà! Mi è venuta l'acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  6. En mi casa nos gusta mucho la pasta!!

    Felicidades por la receta.

    Saluods

    RispondiElimina
  7. Mi piace davvero molto questo tuo piatto! vien voglia di addentarlo! ;)

    RispondiElimina
  8. questo piatto mi ha conquistata al primo sguardo è davvero superlativo!!bacioni,imma

    RispondiElimina
  9. Un bellissimo piatto con ingredienti che mi piacciono molto!!! Una delizia per la vista e per il palato, brava!

    RispondiElimina
  10. Una ricetta molto saporita ed interessante! ;)

    RispondiElimina
  11. non ci sarebbe niente di male se facessi una scuola di cucina siciliana..io mi iscriverei !! :))
    L'uveta e pinoli sono proprio un marchio di fabbrica. Quanto mi piaaacciooonooo!!:)

    RispondiElimina
  12. Oggi siamo particolarmente patriottiche, in fondo a noi non mancano di certo gli spunti, sono così tante le ricette sicule. Non posso non approvare un piatto così gustoso (chi dice di non amare il cavolfiore dovrebbe ricredersi davanti a una combinazione così eccellente di ingredienti). ps: incredibile la coincidenza su Licata!! Un bacione e buon proseguimento

    RispondiElimina
  13. Elenica cara, adoro la pasta arriminata... mi piace davvero tanto e questa rivisitazione in chiave moderna è deliziosa come te! ^_^ <3

    RispondiElimina
  14. wooooooooooow che delizia! complimenti, un bacio :)
    ps: ho realizzato un nuovo concorso "Fashion Food": in premio 100 euro di shopping! Ti aspetto :)

    RispondiElimina
  15. Adoro la pasta!!!!! un piatto fantastico. Baci

    RispondiElimina
  16. Che delizia!! Mi ispira moltissimo:))

    RispondiElimina
  17. Ciao Elena,ho imparato da mia madre a fare la "sua" versione della pasta chi brocculi arriminati e vedo che è alquanto diversa dalla tua.L'ho cucinata per Natale ma ancora devo postare la ricetta.Intanto mi sono copiata anche la tua versione.
    Un abbraccio da Trapani.

    RispondiElimina
  18. Che bella pasta! Devo assolutamente provarla!

    RispondiElimina
  19. Adoro "u vruocculu arriminatu" *O*!!!
    A proposito, trovi un premio nel mio blog :D! Comunque, se non ti va di giocare, ignoralo senza problemi ;)!

    RispondiElimina
  20. Troppo buona!! Mi hai fatto venire una voglia di vruoccolo arriminato.....

    RispondiElimina
  21. No, No, ti prego, continuaaaaa con le lezioni di siciliano. Come si fa a non innamorarsi della tua terra e della sua lingua così bella e carnale? Ma quanto è bello il nome di questo piatto? (lasciamo stare poi quello che contiene!).Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  22. Gnam, gnam, squisita questa pasta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  23. This looks amazing! Thanks for sharing :)

    RispondiElimina
  24. questo è un signor primo piatto! Bello condito e goloso... bellissimo!

    RispondiElimina
  25. Mi piace molto! Ho fatto una versione simile ma senza pomodoro e utilizzando la colatura di alici al posto delle acciughe sott'olio.
    Però anche l'utilizzo della passata mi stuzzica, da provare!

    RispondiElimina
  26. ciao.. mi faceva piacere segnalare il tuo blog, ho lasciato un pensiero da me :)

    RispondiElimina
  27. i piatti siciliani personalmente li adoro :P
    ottima i vruoccoli arriminati!

    RispondiElimina
  28. sei maestra nel proporre piatti assolutamente impeccabili, ma semplici...praticamente il massimo!Un abbraccio a te e Carmelo....

    RispondiElimina
  29. E' un piatto meraviglioso, Elena! Non solo per la bontà in sè, ma anche perché mi riporta alla memoria la cucina della mamma, veracissima donna del Sud (non siciliana ma pugliese, anzi salentina...siamo lì!). Un abbraccio affettuoso :-)

    RispondiElimina
  30. muddica atturrata...un termine che ho imparato da un'amica speciale, siciliana doc :)
    Il tuo piatto è perfetto, solo l'uvetta mi fa storcere un po' il naso, ma è un gusto personale, non la sopporto nemmeno nel panettone.
    Baci

    RispondiElimina
  31. Piatto invitante! Anche io, da siciliana (e per metà di origini calabresi) non posso rimanere indifferente. Sono felicissima di unirmi al tuo blog!
    un abbraccio,
    Virginia

    RispondiElimina
  32. un piatto delizioso! un po' di sano dialetto non fa male ;) ciao cara

    RispondiElimina
  33. Ciao Elena ! la tua sicilianità è contagiosa, questo piatto è invitante e intrigante !!! Da fare ! Un abbraccione !!

    RispondiElimina
  34. ciao vermicella! gia ero tua follower :)

    RispondiElimina
  35. Ciao..che bella ricetta! Ha un aspetto delizioso!!
    Se ti va passa a trovarmi, mi farebbe piacere!
    Ciao a presto..

    RispondiElimina
  36. lagrandeabbuffata5 aprile 2012 16:13

    fantastica ricetta!!! una volta ho fatto una cosa simile ma senza la fantastica idea del pangrattato, devo provarla assolutamente...complimenti per il blog!!

    RispondiElimina
  37. The Golden Path
    Ha detto: mi sono preso le tue immagini sono molto carine..
    Qlxchange : Ha detto: interessanti

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails