giovedì 29 settembre 2011

Caponata di melanzane


Sicuramente questo piatto non ha bisogno di presentazioni o giri di parole e forse neanche di una storia! Durante l’estate quando con Alma abbiamo avuto tutti gli ingredienti autoprodotti (abbiamo comprato solo sedano e zucchero :) e abbiamo fatto la caponata, ci siamo volute preparare bene e abbiamo scoperto che quella della caponata è una lunga storia fatta di popoli, di culture e di tradizioni che si sono susseguite nel tempo.
Tutti sono concordi col fatto che la caponata nasca quando gli Arabi importarono in Sicilia la melanzana, ingrediente principale di questo piatto anche se in realtà se ne contano tante varianti. C’è chi sostiene che siano stati i latini a sperimentare questa ricetta (caupona), come piatto povero, da taverna, e altri che la fanno risalire agli intingoli di origine iberica (capironades). Probabilmente, la storia più accreditata è quella più recente che vede nascere la caponata come contorno del “capone”, nome con cui viene ancora oggi chiamata in Sicilia la Lampuga, che nelle tavole dei ricchi del 1700 veniva servito con la salsina agrodolce ricavata dalla cottura delle verdure. E come in ogni periodo di crisi già in passato, nelle tavole più povere la caponata si è trasformata col tempo da condimento a piatto unico, magari da consumare solamente col pane.
Effettivamente, è difficile stabilire l’origine e la storia di un piatto così diffuso e semplice, ma alla fine credo che un’origine non debba averla per forza. A me basta sapere che appartiene a quel gruppo di ricette nate chissà come, chissà dove che si sono tramandate fino a oggi per portare testimonianza di un percorso fatto di famiglie, di genti, di culture di cui ancora oggi riusciamo a percepire i sapori.
  

Ingredienti per 4-6 persone

1 Cipolla
1 sedano (4 coste)
2 melanzane tonde
10 olive nere
10 olive verdi
Una manciata di capperi
½ cucchiaio di zucchero
½ bicchiere di aceto bianco
Un bicchiere di salsa di pomodoro
Olio evo
Qualche foglia di basilico


Lava le melanzane, tagliale a dadini e lasciale spurgare per mezz’ora cospargendole di sale. Sciacquale e asciugale; monda le coste di sedano e tagliale a tocchetti.  Affetta la cipolla e falla rosolare in abbondante olio caldo e quando sarà ben dorata, toglila e mettila da parte. Friggi le verdure finché diventeranno croccanti. Aggiungi le cipolle già cotte, la salsa, poi lo zucchero e infine l’aceto e fai cuoci per 5 minuti. Aggiungi i capperi dissalati, le olive denocciolate e tagliate a metà,regola di sale, fai intiepidire e porta in tavola.


44 commenti:

  1. Da siciliana quale sono mi compiaccio di essere la prima a commentare il tuo post.
    Elena sei brava a fotografare,a scrivere le ricette,a preparare i piatti...che dirti di più? Ah si, fra qualche giorno posterò la ricetta della caponata e quasi me ne vergogno (dopo aver visto la tua!!!).
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Tesoro finalmente ti rileggooooooooooooo che bello e che bella ricetta saporita colorata...io adoro le melanzane e la caponata e tar i mniei piatti preferiti!!
    Cmq si il pesce spada era proprio di Fumularo...davverom molto molto buono|!!!
    Bacini,Imma

    RispondiElimina
  3. Torni dopo un po’ d’assenza ma con una delle ricette a base di melanzane che più amo (e non solo d’estate). Mi perdoni però se la faccio senza sedano? Ehm...non ci vado molto d’accordo! Un bacione bimba, buona giornata

    RispondiElimina
  4. Eh si, un piatto ch edecisamente di presenta da solo! con un gioco di contrasti forte e carattesitico ed un gusto pieno e intenso! piace molto anche a noi!!
    bacioni e grazie della visita!

    RispondiElimina
  5. grazie per questo "tuffo" nella storia e cultura siciliana,si sprigiona dalle foto un profumino...sarà che sono affamata? un abbraccio affettuoso!

    RispondiElimina
  6. e quanto è buona questa caponata!!! quanto eh??? hai ragione non c'è bisogno di giri di parole.. si presenta da sola anche perchè è famosissima!! brava Ele.. e grazie per questo post ricco di sapori e storia!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Elena, anche se sono uno storico, non la sapevo mica la storia della caponata.. interessante davvero.. e poi proprio ieri sera me la son mangiata!! complimenti sempre per le tue ricette!
    a presto
    Giovanni

    RispondiElimina
  8. Ah, la caponata, un vero capolavoro *O*...e la tua ha un aspetto talmente invitante da far venire fame ^__^!
    Buona giornata!
    Giuliana

    RispondiElimina
  9. Uhhh, corro a prendere il pane e arrivoooo!posso? hihi,complimenti!! è squisitaa!

    RispondiElimina
  10. io amo la caponata! che slurppppppppppp!!! complimenti :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Elena, hai preparato una caponata coi fiocchi! Davvero molto bella oltre che buona! Baci

    RispondiElimina
  12. no, non ha bisogno di presentazioni ma io non l'ho mai fatta! E la tua è bellissima :)

    RispondiElimina
  13. Estas berenjenas me gustan, se ven divinas, me las apunto, besos.

    RispondiElimina
  14. ciao carissima! non ho mai pensato a quali potessero essere le origini della caponata...ma sta di fatto che è molto buona!!! la tua è così invitante!!

    RispondiElimina
  15. E' uno dei miei piatti preferiti!

    RispondiElimina
  16. superslurppppppp....una bella fetta di pane cotto a legna...e' questa secondo me la morte sua...bravissima e complimenti per la foto

    RispondiElimina
  17. Ma lo sai che mi hai fatto venire una voglia PAZZA di preparare la caponata? Complimenti: un post da copiare, seguirò la tua versione alla lettera. Un saluto
    simona

    RispondiElimina
  18. E' uno dei piatti che amo di più. Non mi stancherei mai di mangiarla.

    RispondiElimina
  19. Ohhh finalmente una caponata che non contiene peperoni! Non so se questa è la ricetta vera o quella che non ho mai potuto assaggiare ogni volta che me la facevano (allergia sopraggiunta al peperone,che tra l'altro mi piace da morire)
    Adesso finalmente me la faccio e me la mangiooooo!
    Grazie Ele sei magica! Un bacione Lecoq

    RispondiElimina
  20. Tornata col botto tu! Adoro tutto ciò che è siciliano, dal dolce al salato e la caponata è uno dei miei piatti preferiti.

    RispondiElimina
  21. ciao cara questo piatto non celo può togliere nessuno, se ti va da me ce in corso un contest.

    RispondiElimina
  22. Caponata che passione ! Cara Elena sono nuovamente qui a Pantelleria dopo una breve parentesi a Bergamo, e nuovamente sento il fascino di queste verdure cucinate in agro-dolce e così invitanti e piene di fascino antico !!! Le melanzane del sud, e meglio ancora dell'orto di casa di Palermo devono essere strepitose ! un abbraccione carissima Elena !!

    RispondiElimina
  23. ciao Elena! Bentornata!
    mi sono mancati i tuoi piatti spettacolo!
    Grazie per le nozioni storiche di questo piatto di cui conoscevo solo la provenienza e ovviamente il gusto!
    A presto!

    RispondiElimina
  24. Si vede benissimo tutto il suo splendore ricco di bontà...mi ricorda quella original che mangiavo a Pacinotti da Zio Nino...uno spetatcolo exsta esnsoriale per le papille...buon we...ciao.

    RispondiElimina
  25. Si vede benissimo tutto il suo splendore ricco di bontà...mi ricorda quella original che mangiavo a Pacinotti da Zio Nino...uno spetatcolo exsta esnsoriale per le papille...buon we...ciao.

    RispondiElimina
  26. Ho letto che ti sposerai tra alcuni giorni. Intanto ti faccio gli auguri, e mi raccomando tante melanzane. ;)

    RispondiElimina
  27. Interessante post..Grazie e complimenti
    per questa buonissima caponata!!
    leggo che ti sposi...Carissimi Auguri!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Mi piace la caponata!!!!!
    Bellissimo post!!!!!
    Un bacione e felice domenica!!!!!!

    RispondiElimina
  29. Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
    Per sfogliarlo gratis clicca qui:

    http://www.openkitchenmagazine.com/

    Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

    http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

    Un abbraccio,
    il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

    ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
    http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
    Te ne saremmo davvero grati! ^.^

    RispondiElimina
  30. buona settimana Elena,come sempre le tue ricette sono belle e buone!

    RispondiElimina
  31. Buongiorno!... non mi ricordo se sei iscritto o meno su Oraviaggiando. Se non l'hai fatto, fallo subito…

    - puoi pubblicare ricette e vederle realizzate da grandi chef di caratura nazionale
    - puoi parlare del tuo ristorante preferito
    - puoi comunicare con tutti gli iscritti, seguirli (follow) ed essere seguito per tener traccia dei loro commenti, gusti e itinerari
    - puoi invitare a cena un ragazzo che ti piace
    - puoi farti una lista dei tuoi ristoranti preferiti per averli sempre a portata di "mouse" quando serve
    - puoi partecipare alle nostre cene e puoi scrivere sul nostro forum potendo aprire nuovi topic
    - puoi avere cene in omaggio


    Spero ti piaccia.
    Attendo la tua iscrizione

    RispondiElimina
  32. E' pur vero che questo piatto non ha bisogno di presentazione, ma tu con le tue foto lo rendi eccezionale, bravissima!!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  33. Un guiso de berenjenas es siempre rico,pero éste clásico me ha encantado,muy tentador,hermoso y contundente,datos muy importante buen post,felicitaciones,grandes abrazos.

    RispondiElimina
  34. La caponata è sempre buonissima :-).

    RispondiElimina
  35. Hola Elena.
    Sigo pensando que eres una artista en la cocina.
    Todo estupendo.
    Saludos desde Canarias-España

    RispondiElimina
  36. La caponata é uno dei miei piatti preferiti e la tua é davvero invitante!

    ps: siamo tornati!

    RispondiElimina
  37. la caponata un must, e la foto con quello sfondo floreale bellissima!!

    RispondiElimina
  38. Non è proprio uguale a quella che si prepara nella mia famiglia ma la caponata è la CAPONATA, buonaaaaaaa :-)

    RispondiElimina
  39. Le ricette venute sono spesso del resto deliziose.
    Alla casa, sono le ricette venute di Italia che amiamo molto.
    Grazie per questa scoperta. . .
    Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  40. Tiene que estar rico rico... Acabo de descubrir tu blog y me gusta todo lo que publicas, con tu permiso, me quedo de seguidor.
    Saludos

    RispondiElimina
  41. Que receta tan buena Elena! adoro la berenjena! muchos besos

    RispondiElimina
  42. gnam..che bontà, una ricetta da provare!!
    Dai un’occhiata al mio blog, e se ti piace seguimi, mi farebbe davvero molto piacere, ti aspetto!

    Cosa mi metto???

    RispondiElimina
  43. Che colori meravigliosi, Elena *_*
    il gusto sò che racconta meraviglie!
    Tiziana

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails