martedì 15 febbraio 2011

Ciambelle


Questo post mi rimanda indietro nel tempo a quando mia mamma per organizzare le nostre merende ci metteva tutti con le mani in pasta e riempiva la tavola con queste deliziose ciambelle che ci rendevano felici! Oggi, come ieri, mi ritrovo con le mani in pasta e con la tavola piena di ciambelline. La gioia è la stessa,  anche se è passato qualche anno, i ricordi sono ancora vividi e scorrono davanti ai miei occhi mentre nuvole di farina si rincorrono in cucina. Il risultato è stato soddisfacente, anche se le ciambelle della mia mamma avevano quell'ingrediente in più che le rendevano veramente speciali: l'amore per i propri figli!
A differenza dei donuts, ho modificato la ricetta e non ho utilizzato il taglia pasta, sono andata "a mano libera". Il look è più informale e simpatico :) Con queste dosi ho preparato circa 50 ciambelline, equamente distribuite in famiglia e “spazzolate” tra colazione, spuntino e merenda.. perché si sa, una tira l'altra.


Ingredienti


1Kg di farina 00
6 cucchiai di zucchero
120 g di burro
4 uova
50 g di lievito di birra
la scorza grattugiata di 1 limone
1 bacca di vaniglia
un pizzico di sale
500 ml di latte c.ca
olio per friggere


Su una spianatoia versa la farina a fontana e al centro rompi le uova, aggiungi il burro ammorbidito a temperatura ambiente, lo zucchero, la scorza grattugiata di 1 limone, un pizzico di sale, il lievito sciolto in un po’ di latte caldo. Impasta il tutto aggiungendo gradualmente il latte tiepido, fino ad ottenere un composto elastico ma non troppo morbido. Forma una palla e trasferisci il composto in una ciotola, coprilo e fallo lievitare fino a quando raddoppierà di volume (40 minuti c.ca).




Ricava dall’impasto tante palline, di circa 5 cm di diametro, disponile su un piano infarinato e lasciale riposare, sempre coperte, per almeno 20 minuti. Pratica un foro in ogni pallina e allarga la pasta con le mani. Scalda abbondante olio in una padella per fritture e quando l’olio sarà caldo e non bollente immergi le ciambelle e falle friggere da entrambi i lati per pochissimi minuti, fino a quando saranno dorate. Scolale con una schiumarola, passale nello zucchero e servi calde.




43 commenti:

  1. eccezionali!!!!!!!!le segno da fare..le foto mettono l'acquolina solo a guardare!!complimenti!!!baci!!!

    RispondiElimina
  2. Posso rubarne una? Le ricette legate ai ricordi d’infanzia hanno sempre qualcosa di speciale. Un abbraccio, buona giornata

    RispondiElimina
  3. CHe belle che sono e poi quando di mezzo ci sono i ricordi sono anche speciali!Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Le ciambelle mettono sempre allegria!!! Ottime le tue!

    RispondiElimina
  5. ma che bellezza!! carinissime e bbone

    RispondiElimina
  6. Uno dei miei dolci preferiti, noi le chiamiamo graffe. Le tue sono bellissime.
    Fabio

    RispondiElimina
  7. sono semplicemente divine!!! Hanno un aspetto sofficissimo e fragrante!!!

    RispondiElimina
  8. le ciambelleeeeeeeeeee....se nn fosse per la mia avversione verso i fritti le farei subitoperche le adoroooooooooooo!!baci imma

    RispondiElimina
  9. Immagino che una tira l'altra....sono deliziose!!!! ^_^

    RispondiElimina
  10. Che splendore questo piatto di ciambelle! in questa giornata grigia e spenta mette allegria...certo, potessi assaggiarle... :-)
    un saluto
    simo

    RispondiElimina
  11. Buone queste ciambelle, devo farle anche io.

    Baci

    RispondiElimina
  12. mmmm..che bontà...complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  13. ma guarda guarda che ciambellina ti ha fatto la elena....che posso venir da te a merenda con i miei bimbi per gustarcele..?
    complimenti son buonissime..
    baci da lia

    RispondiElimina
  14. Bellissime devo provare questa ricetta troppo invitante!
    Bravissima cara
    Un bacio Anna

    RispondiElimina
  15. mamma che belle!! già già anche la mia mamma a carnevale ci deliziava con ciambelle zuccherose!! bravissima Elena!! :-)

    RispondiElimina
  16. Que delicia, son irresistibles!! muchos besos

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia...l'unico mio problema è che non amo molto figgere, per il puzzo che resta in casa......

    RispondiElimina
  19. Ma che belle! A me queste tue ciambelle fanno pensare a quando da bimba in spiaggia passava il tizio con il cesto pieno ed io le mangiavo a merenda! Proverò a rifarmele!

    RispondiElimina
  20. Ma sono quelle che comunemente vengono chiamate graffe da napoli in su?
    che gola mi fanno!!
    baci
    Vero

    RispondiElimina
  21. Che buone e che belle!!
    Elena sei stata bravissima
    un bacio

    RispondiElimina
  22. Grazie a tutti per la visita e i commenti.
    Grazie a Fabio e a Vero per avermi insegnato che esiste un altro nome per indicare le mitiche ciambelline, la cui ricetta ho ereditato dalla mia mamma pugliese.Io quaggiù "Graffe" non l'avevo mai sentito! Chissà se gli ingredienti sono gli stessi, dobbiamo indagare!

    RispondiElimina
  23. Non si può resistere alle ciambelle e queste sono davvero invitanti!!!Brava:-)
    Passa a trovarmi,ciao Patrizia

    RispondiElimina
  24. Ma come faccio a resistere?? Sono a dieta ma ogni volta che entro nel tuo blog mi viene fame...

    RispondiElimina
  25. non hai idea di quanto mi piacciono!!! mamma che belle! spazzolate spazzolate? neanche una per me ne rimane??? e vabbè la vita è ingiusta....

    :))

    bacioni

    RispondiElimina
  26. mmmmm, che bontà, non sai che darei per averne una! misento lo zucchero già sulla punta della lingua! buoooooooooone!

    RispondiElimina
  27. E a meeee!!! Buoneeeeeeeeee!!! Il mio regno per na ciambellaaaa!!! :D Baci

    RispondiElimina
  28. Anche io ne voglio una!
    Buona serata, Kika

    RispondiElimina
  29. che belle le ciambelline.. mi piacciono tantissimo le ricettine che portano la mente a viaggiare nei ricordi.

    RispondiElimina
  30. sembro homer
    della serie aaaaaaaaa ciambelle!!!!!!!!
    buonissime
    baci katya

    RispondiElimina
  31. Una vera golosità. Anche io le preparavo con la mia mamma ogni tanto pero' senza il buco. Me le segno e le faccio per carnevale!! :)

    RispondiElimina
  32. uao che golose!!! acchiappo al volo!

    RispondiElimina
  33. Come resistere a tanta bontà?! Buonissime! Un bacione!

    RispondiElimina
  34. sai, anche a me le tue frittelle rimandano indietro nel tempo, a quando potevo spazzolarle senza pensare alle conseguenze. Poi è venuto il giorno in cui ho realizzato di aver "sforato" e da allora, tutto quel che deve friggere viene automaticamente deviato... non senza rimpianto pero!! AH CHE BEI TEMPI!

    RispondiElimina
  35. Essì, mi immagino che una tira l'altra, sono una delizia!!!! Brava Elena, baci!

    RispondiElimina
  36. Deliziosissime queste graffette (a Napoli si chiamano così) accompagnano una colazione con i fiocchi e grazie per aver condiviso con noi uno scorcio del tuo passato.. un racconto dolcissimo.
    baci
    terry

    RispondiElimina
  37. che meraviglia queste ciambelle! assomigliano tanto ai nostri para frittus!! complimenti per l'eleganza e la bellezza del tuo blog, ci vedremo presto!!

    RispondiElimina
  38. OOOOOooooooooooo...ingrasso solo a guardare la foto!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails